PANELLE PALERMITANE

PANELLE PALERMITANE

Il mio a Palermo è stato un breve soggiorno, ma sicuramente ricco di ispirazione, anche culinaria. Le panelle palermitane erano talmente buone che ho sentito il bisogno di riprodurle a casa, tanto più che sono davvero semplici da realizzare: farina di ceci, acqua, prezzemolo ed olio per friggere sono gli unici ingredienti necessari per ricreare le panelle palermitane, questo meraviglioso street-food vegano.

DI COSA HO BISOGNO:
Dosi per circa 20 panelle

– 200 gr farina di ceci
-600 ml acqua
-prezzemolo tritato q.b
-sale; pepe
-olio per friggere
-aglio*

ALL’OPERA:

Miscelate la farina di ceci all’acqua utilizzando una frusta evitando così di formare dei grumi. Trasferite il composto, salato e pepato, in una pentola e cuocetelo, senza smettere mai di mescolare, per circa 10  minuti ovvero fino a quando non si solidificherà, acquistando una consistenza un po’ più densa di quella del purè di patate. Aggiungete il prezzemolo e mescolate; *io ho liberamente aggiunto uno spicchio d’aglio schiacciato.
Togliete dal fuoco e trasferite il tutto in una teglia piatta livellando bene la superficie in modo che sia omogenea e non più alta di mezzo centimetro. Lasciate riposare in frigorifero per circa 15 minuti.
Estraete la teglia dal frigo e ritagliate le panelle. Friggetele in abbondante olio di arachide ed adagiatele su della carta assorbente prima di servirle.

N.B: a Palermo ho potuto gustare le panelle all’interno di un panino al sesamo, stupendo! Ho preferito però proporre una versione più semplice e leggera che prevede le sole panelle palermitane raccolte in un tipico cono da street-food. Se lo desiderate, aggiungete all’interno del “cartoccio” qualche fetta di pane al sesamo tostato.

PANELLE PALERMITANE

 

Lascia un commento

diciassette − 8 =