Mangiare vegano a Berlino: il mio diario tra colazioni, cene e street food

Dove mangiare vegano a Berlino

Mangiare vegano a Berlino è una delle 3 cose da fare assolutamente. Al pari della visita gratuita alla cupola del Reichstag e della passeggiata lungo il Muro.

L’abbondanza di ristoranti vegani a Berlino, unita alla fortuna di aver trovato un super low cost Ryanair e una camera centrale ma a basso costo con Airbnb, mi ha permesso di organizzare il viaggio in modo diverso. Mi spiego: dopo essermi munita di guida, aver maniacalmente evidenziato i must see e aver riempito le pagine di post it, mi sono detta che tre giorni non erano sufficienti a fare un bel niente se non cercare di esplorare la scena gastronomica vegana della città.

Ho scandito quindi i miei 3 giorni scarsi di permanenza a Berlino seguendo il ritmo dei ristoranti vegan: ubicazione, orari, proposta. Ne è nata un’esperienza unica e divertente che mi ha fatta sentire più berlinese e meno turista (fatto salvo per la quantità significativa di foto scattate nei locali che ho giustificato con me stessa appellandomi al dovere di cronaca).

Ma ora veniamo al sodo.

Dove mangiare vegano a Berlino

Qualche info preliminare:

Quando: dal 10 al 13 novembre (10 sera – 13 mattina)

Alloggio: una deliziosa camera a Friedrichshain

Chi: io e il mio compagno Fabio (finally senza mici, cani, pesci etc., etc.,)

Budget: relativamente limitato (cena con meno di 30 euro a testa)

Impressione generale sulla città: a metà tra la Parigi più chic e un centro sociale all’avanguardia, è una meta da vivere senza preconcetti e ben coperti (minime di -3° a Novembre)

Dove mangiare vegano a Berlino Day 1


1- Vöner

Boxhagener Straße 56, 10245 Berlin
 15102174_1514936981855310_1586361720_o

 

Affamatissimi, ce ne usciamo di casa con una sola cosa in mente: il kebab vegano del Vöner. In realtà l’idea è vaga, nel senso che l’unica cosa chiara è era la sua ubicazione (a 5 minuti a piedi dalla nostra stanza a Friedrichshain). Per quanto riguarda l’aspetto, il sapore e la bontà del kebab vegano, buio totale o quasi.
Dal menù totalmente vegan di questo localino underground con pochi posti a sedere, abbiamo ordinato il kebab vegano con hummus di arachidi e il mitico currywürst, il tutto con patate.
Io ancora me lo sogno: di giorno, di notte, quando non dovrei.
▶Consigliato perché: non è turistico; le pareti trasudano cipolla, spirito punk e passione per il vegan lifestyle; è economico.

Il Kebab del Vöner

 

Il Currywürst del Vöner

 

Dove mangiare vegano a Berlino Day 2


2- Happy Baristas

Neue Bahnhofstraße 32, 10245 Berlin

 

Happy Baristas

 

È praticamente l’alba quando mi ritrovo a scandagliare Google Maps in cercando un locale dove fare una colazione vegan a Berlino.
In realtà: sono le 9, ho molta fame e chiedo a Fabio di buttare un’occhio su Maps. È lui a trovare Happy Baristas, una caffetteria moderna, garbatamente silenziosa e piena d’amore per il caffè e i dolci.
Entro, mi siedo, scorro velocemente il bancone dei dolci (vegan per la maggior parte) e non prendo nemmeno in mano il listino: quella fudge cake al cioccolato mi chiama da anni e finalmente ho l’opportunità di rispondere. Ad accompagnare, un caffè con una lacrima di latte di mandorla.
Torta: abbondante e deliziosa. Caffè: dolce e aromatico, zuccherarlo è un sacrilegio.
▶Consigliato perché: l’atmosfera è rilassante e pacifica; il latte di mandorla è fatto in casa di giorno in giorno; nel bagno delle donne c’è a disposizione una pentola piena di assorbenti interni.

 

-3 Momos

Fehrbelliner Str. 5 | 10119 Berlin

Momos

 

In zona Mitte, forse leggermente periferica, mi accorgo di due cose: sono le tre del pomeriggio inoltrate; non abbiamo ancora pranzato. È così che l’idea di provare la cucina vegana del Momos inzia a prendere la forma dei suoi dumplings. Dopo esserci accomodati al tavolino alto che si affaccia all’esterno, consulto il menù e decido che bisogna provare tutto. Scartando i due dumplings vegetariani, ordiniamo due piatti misti: tutti i ripieni, due cotture, in padella e al forno, tre salse. Sfiziosi e fantasiosi, questi raviolini farciti sono uno tira l’altro (ciliegie andate in pensione).
▶Consigliato perché: piccino e informale mette subito a proprio agio; il personale è gentile e alla mano; nonostante lo spazio a disposizione sia poco, ci sono carinerie come l’appendiabiti.
 

-4 Rawtastic

Danzigerstrasse 16, 10435 – Berlin

Rawtastic

 

Tra il Mitte e Friedrichshain, si può mangiare vegano crudista a Berlino senza bisogno di tirarsela troppo. Rawtastic è un ristorantino stiloso ma semplice che decido di provare non appena ne apprendo l’ esistenza, cioè il giorno precedente (ma se lo avessi saputo un anno addietro non sarebbe cambiato nulla). Ordiniamo due piatti di assaggi misti che comprendono: lasagnetta con pesto rosso, falafel con hummus, bowl messicana, burger di funghi, pizza. Tra i ristoranti vegani di Berlino, questo merita una visita obbligata senza dubbio. Non mancano le esplosioni di gusto e nemmeno il gioco divertente dell'”indovina l’ingrediente”. Tirandole le fila: tutto buonissimo, ma come fanno?
▶Consigliato perché: è fighetto ma non se la tira; il piatto mix è perfetto per chi non è avvezzo al crudismo; propone delle buone birre indipendenti.

 

Rawtastic

Dove mangiare vegano a Berlino Day 3

Colazione non pervenuta, nel senso che mangiamo dei biscottini al limone e del tè in casa perché ci siamo svegliati tardi e io faccio la cacca solo dopo la colazione. Uscire al bar nuovamente significherebbe saltare ancora una volta l’importante appuntamento dunque, a malincuore, no.

5- Saigon-Green

Kantße 23 / 10623 Berlin

Saigon-Green

 

Saigon-Green è per noi un caso fortuito, ma non per questo meno degno di nota. Sono alla ricerca del Vaustpoco distante dal celeberrimo Zoo di Berlino e alle porte di Charlottenburg, ma il destino ha voluto che non ne varcassi la soglia. O forse, semplicemente, non mi ero preoccupata di verificare gli orari di apertura del weekend.  Poco male – anche se lì per lì mi viene la faccia da prugna secca – perché cercando il Vaust eravamo passati di fronte a una vetrina in cui coppie, prima infreddolite, si scaldavano al tepore di una zuppona orientale.
Entriamo da Saigon-Green e ordiamo degli involtini primavera e una zuppa a base di tofu, zenzero, spaghettini di riso e verdurine. Abbondantissima e calda, mi ha saziata fino allo sbottonamento dei pantaloni.
▶Consigliato perché: anche se le proposte vegane sono marginali, c’è molta scelta; il servizio è veloce e cortese; mangiare con le bacchette secondo me mantiene giovani.

 

6-Sfizy Veg

Treptowerstrasse 95, 12059 Berlin

Sfizy Veg

 

Ogni giorno passato senza pizza è un giorno perso. È questo il mio motto preferito oltre a “non c’è cosa meno gradita di un consiglio non richiesto” e “pulire la lettiera del gatto è bene ma non doverlo fare è meglio”.
Per tenere fede alla mia prima sentenza senza appello, decido che Sfizy Veg deve far parte della mia lista dei ristoranti vegani di Berlino e, più in generale, dei miei “to do”. Le aspettative sono alte, ma Sfizy non delude sotto nessun aspetto: arredamento curato nel minimo dettaglio e per questo dall’aria quasi casuale, servizio veloce e preciso, ma soprattutto un listino lunghissimo infarcito di ogni tipo di pizza vegan, dalle più classiche (come la capricciosa che ho ordinato) alle più fantasiose (come la double cheese burger che ha scelto Fabio).
Anche se è un po’ fuori mano dal centro storico di Berlino – siamo a Kreuzberg in una zona che mi sembra relativamente remota – credo sia questa l’opzione migliore per mangiare una buona pizza vegana a Berlino.
▶Consigliato perché: la base della pizza è fatta a regola d’arte (la gestione è italiana); il mood generale è rilassato ma chic; finita la prima pizza ne vuoi un’altra.

 

Capricciosa di Sfizy Veg

 

Pizza cheese burger Sfizy Veg

 7-Haferkater

Boxhagener Straße 76-78, Berlino

Haferkater

 

La mia seconda e ultima colazione vegana a Berlino si consuma per metà tra le mura di casa – mi sono fatta furba proprio ora che devo andarmene –  e per l’altra metà in una piccola caffetteria dall’aria vagamente hippie nei pressi della stazione della S-Bahn Ostkreuz (Friedrichshain) da cui poi avrei preso la metro per lo Schönefeld. Specializzata nel porridge, Haferkater ci ha regalato una saziante fetta di banabread vegano davvero ottimo e per nulla stomachevole. Lo dico perché non sono una fan della banana (non essere infantile).
▶Consigliato perché: l’opzione vegan è in bella mostra sul bancone; c’è a disposizione una caraffa d’acqua aromatizzata alla menta; sembra di essere in una piccola baita ma non c’è nulla di stucchevole.

C’è qualcosa di nuovo in città!

Segno che il mio traffico di forchette, foto instagram e tag non è passato inosservato allo zoccolo duro vegano di Berlino, proprio la mattina in cui mi accingo a preparare meticolosamente la valigia, ricevo un gradito invito da Onigiri Manfaktur, laboratorio di onigiri home made di nuova apertura. Purtroppo mi trovo a declinare l’assaggio di tutti quei piccoli bocconcini di riso che mi aspettano a due passi da Sfizy Veg (Karl-Marx-Platz 17, Berlino) sapendo però di avere un’ulteriore buona scusa per tornare a ficcare il naso tra i ristoranti vegani di Berlino. Dove mangiare vegano a Berlino Parte II arriverà. E sì, è una minaccia.

 

,

 

Lascia un commento

Protected by WP Anti Spam