Mangio i ravioli cinesi vegan almeno due volte al mese, presi rigorosamente alla rosticceria d’asporto assieme al riso, gli involtini primavera e le verdure saltate (come fanno a farle così buone?). Ma, quando ho visto la pasta per i ravioli dal mio minimarket cinese di fiducia non ho potuto fare a meno di accettare la

Continua a leggere…

Ci ho messo davvero poco a convincermi che fare le frittelle vegan in casa è più semplice ed economico di andare a comprarle in pasticceria, ammesso che ci siano e soprattutto che abbiano qualche caratteristica a cui appigliarsi per chiamarle effettivamente frittelle. E poi, vuoi mettere la soddisfazione?

Scambiare una bicicletta usata e dei kiwi bio con delle marmellate di cachi home made? Fatto.
Con quei kiwi gentilmente donati nel cestino della bicicletta ho pensato di fare una marmellata da spalmare la mattina sul pane caldo e da regalare agli amici (ma solo a quelli che se lo meritano, è pure sempre una limited edition).

Credi che la pizza alla canapa sia un po’ strana? Provala almeno una volta, merita l’azzardo.
Io l’ho addentata dopo averla preparata con Fabio, che in fatto di pizze e pani è più esperto di me, e devo ammettere che sono rimasta piacevolmente stupita dalla sue leggerezza e da quel gusto caratteristico che la rende saporita senza dover abbondare con i condimenti.

Il Dahl di lenticchie è diventato uno dei miei cibi indiani preferiti da quando ho scoperto un piccolo angolo di paradiso della cucina indiana nella mia città. Lo prendo da asporto assieme al riso basmati, il naan e i miei preferiti: i samosa. Ma ieri sera ho pensato che sì, quel sacchetto di lenticchie rosse abbandonato dallo scorso capodanno poteva trasformarsi nel mio dahl fatto in casa, e così è stato!

L’autunno mi fa tanto lasagna, non ci posso fare niente. In più adoro i broccoli, soprattutto se spadellatati alla siciliana con uva passa e olive nere. Indovina un po’ se non mi sono spazzolata quasi tutta la mia lasagna vegan ai broccoli nel giro di due giorni? Se sei più parsimonioso, dopo averla cotta, la puoi surgelare già porzionata; vedrai che quella sera in cui torni a casa super stanco e non hai voglia di muovere un dito, la fettona di lasagna vegan ai broccoli torna comoda eccome!

Non sono un’amante sfegata dei dolci ma, quando ne ho voglia, me li preparo sempre da me sperando che resistano agli assaggini fino alla mattina seguente. Questa torta vegan semplice e dolce dolce è durata per ben un paio di colazioni: accompagnata dal caffè caldo è una vera coccola, soprattutto se è lunedì mattina!

Perché i burger vegani sono buoni, veloci e pure facili! Ecco quattro ricette for dummies. #1 Burger vegani di quinoa e cavolo romanesco La parte più laboriosa della ricetta è quella della cottura dei fagioli (nulla ti vieta di prenderli in scatola, facciamo che non lo dico a nessuno), del cavolo e della quinoa. Cosa che potresti

Continua a leggere…

Giunge l’autunno e mi viene voglia di zucca, ma anche di lasagna. Beh, meno male che le mie due voglie stanno bene insieme, così le posso unire preparando delle lasgane di zucca vegan con funghi e una delicata besciamella di riso. Anche questa volta ho usato il pane carasau: non va cotto, si risparmia tempo e dona un retrogusto tutto speciale alla lasagna che a fine cottura risulta più morbida e compatta.